Risultati raggiunti da Anidan | Programmi di Assistenza a Lamu - Come aiutare i bambini in Africa | Adotta un Bambino | Donazioni per l'Africa | Aiuto Umanitario in Kenya| ANIDAN ITALIA ONLUS

Cerca in Anidan Italia
Vai ai contenuti

Menu principale:

Risultati raggiunti da Anidan | Programmi di Assistenza a Lamu

Cosa facciamo > Aree di intervento
RISULTATI AIUTO DI ANIDAN A LAMU, KENYA AGGIORNATI AL 2010

Tra la popolazione in generale, l'ospedale copre con i suoi servizi una ampia area geografica con più di 108.000 abitanti, con scarse risorse sanitarie ed una mortalità infantile molto alta, dell'11,1%. Questa percentuale comincia a ridursi in modo netto con la nostra attività. E' diventato l'ospedale pediatrico di riferimento della zona che aiuta pazienti da tutta la costa del Kenya e cerca sempre di portare i casi a soluzione, anche se questo significhi finanziare trattamenti presso altri specialisti ed in altri centri.

Tra i bambini accolti possiamo dire che l'incidenza di alcune malattie endemiche della zona, come la malaria, e' quasi residua, con pochi casi all'anno.

Negli studi una grande percentuale di alunni che terminano la Primaria accedono alla Secondaria, superando un'esame  statale di ammissione. Anche se in Kenya solo un quarto degli studenti accede alla Secondaria, praticamente tutti gli studenti di Anidan lo fanno; al primo tentativo la maggioranza, qualcuno ripetendo l'ultima fase di Primaria. Noi ci sforziamo perché un sistema rigido ed un ambiente impoverito non frustrino le speranze di questi ragazzi e ragazze. Grazie al nostro impegno nel difendere i loro studi e le classi di sostegno che impartiamo a tutti , nonostante operiamo in una popolazione molto vulnerabile, abbiamo pochissimi casi di abbandono scolastico.

Sono stato concessi e rimborsati i primi 110 microcrediti ed hanno immediatamente sviluppato e rinforzato attività i cui progetti erano già pronti. Abbiamo almeno altre 400 candidate che già stanno aspettando le prossime convocazioni.

BENEFICIARI DIRETTI


Abbiamo chiuso il 2010 accogliendo 243 bambini di cui 113 bambine e 130 bambini.
Tutti fanno parte del programma integrale di alimentazione, cure mediche ed istruzione, di cui 145 residenti nella casa.
Come abbiamo detto tutti i bambini sono scolarizzati in un modo o nell'altro.
La divisione per livelli è la seguente:

Nido n. 21 - Casa di accoglienza Anidan
Scuola materna n. 32 - Casa di accoglienza Anidan
Primaria n. 134 - Scuole di Lamu
Scuola di sostegno n. 2 - Centri specialistici.
Secondaria n. 34 - Scuole di Lamu e dintorni
Studi professionali n. 6 - Scuole di Lamu e Mombasa
Studi universitaria n. 4 - Università di Kampala e di Valencia
Totale n. 243

Nell'ospedale Pablo Horstmann, di Anidan, sono state fatte più di 12.700 visite. A questa attività si aggiungono 3.600 visite e1.200 vaccinazioni nell'accampamenti medici nei villaggi vicini e altre 1200 vaccinazioni nell'ospedale.
Centinaia di persone dei villaggi adiacenti hanno beneficiato del lavoro svolto nelle campagne di prevenzione sanitaria.
Inoltre dall'apertura di quest'anno delle sale per casi di denutrizione e H.I.V. si accudiscono in forma regolare 12 bambini con H.I.V. e si è data una alimentazione speciale a 140 bambini denutriti.
L'ospedale ha avuto anche una media di 20 casi gravi, gli altri 120 in osservazione.
Sono stati inviati 40 casi agli ospedali di Mombasa e Nairobi e due bambine con cardiopatie gravi sono state curate a Cordoba in Spagna.
Nelle campagne hanno partecipato medici specialisti spagnoli inviati a Lamu per questo scopo: 6 hanno preso presoparte alla campagna chirurgica curando 715 pazienti e realizzando 107 interventi; 2 in quella dermatologica curando 350 pazienti e realizzando 43 interventi chirurgci minori; altri 6 medici hanno partecipato alla campagna oftalmica, nella quale sono state curate 342 pazienti e hanno effettuato 19 interventi, ed hanno dato 50 paia di occhiali ad altrettanti bambini.
Sono state effettuate 16 uscite in cui mediamente hanno assistito dalle 150 alle 300 persone in ogni villaggio visitato.
A dicembre sono stati distribuiti i primi 110 microcrediti a donne che immediatamente hanno iniziato l'attività in proprio.
Sono stati concessi aiuti mensili di 30 euro a 32 famiglie con gravi problemi di sopravvivenza o come 'compenso alla famiglia perche' faccia studiare il bambino.


BENEFICIARI INDIRETTI


La popolazione in generale, perché la stessa esistenza e funzionamento della Casa e dell'Ospedale , in collegamento o meno, sono un miglioramento di primo ordine per i settori piu' bisognosi della zona ed almeno in tre capitoli essenziali:

Fornire assistenza e cure ai bambini della strada
Estendiamo l'insegnamento (la scuola)  a realta' che non avrebbero avuto accesso o che avrebbero abbandonato, migliorando il livello di educazione tra la popolazione piu' emarginata in due modi, diretto, con il mantenimento del Nido, la Scuola Materna e le Classi di Sostegno, ed indiretto con la scolarizzazione.

Abbiamo migliorato sostanzialmente l'assistenza sanitaria alla popolazione infantile e nell'Ospedale, ed in misura minore, anche alla popolazione adulta attraverso le campagne mediche presso i villaggi della zona.

La presenza della Casa di Acoglienza e dell'Ospedale nell'isola porta un contributo decisivo per lo sviluppo della citta' e dei suoi dintorni. Siamo anche un fattore di cambiamento e sviluppo. La nostra presenza fissa gia' lo sarebbe ma la nostra attivita' costante e la sua proiezione nell'ambiente fa parte di un cambiamento che porta ad una speranza di vita maggiore e migliore alla popolazione infantile, dalla possibilita' di studiare ai bambini e bambine abbandonati che non avrebbero avuto altro modo e serve da rifugio a coloro che fuggono o devono essere protetti da abusi, matrimoni forzati o maltrattamenti degradanti o per coloro che sono esposti a malattie a rischio.

I familiari dei bambini accolti che vengono aiutati con costanza a migliorare le proprie capanne, ad esempio fornendo le zanzariere per evitare la malaria ed altri contagi o aiutandoli a fare le riparazioni  urgenti in attesa dell'arrivo del monsone.

I lavoratori di Anidan, dell'Ospedale e le loro famiglie. Tutti sono locali e la maggioranza sono reclutati tra i senza lavoro. Ad alcuni di loro diamo l'opportunità di formazione nel proprio lavoro  mediante corsi di specializzazione.

Torna ai contenuti | Torna al menu