Personale di Laura Piattella a Milano | Mostra fotografica beneficenza a Milano 2012 - Come aiutare i bambini in Africa | Adotta un Bambino | Donazioni per l'Africa | Aiuto Umanitario in Kenya| ANIDAN ITALIA ONLUS

Cerca in Anidan Italia
Vai ai contenuti

Menu principale:

Personale di Laura Piattella a Milano | Mostra fotografica beneficenza a Milano 2012

Personale di Laura Piattella a Milano

La mostra sarà presentata a Milano presso lo studio Iroko, Via Voghera 11/b Zona Tortona dal 19 al 30 gennaio 2012.
Inaugurazione 19 gennaio ore 19,00, la mostra sarà presentata da Barbara Vincenzi.

orari: tutti i giorni 10,00/13,00 – 15,30/19,30 Domenica su appuntamento – tel 02 89070295 cell. 3381758436

www.laurapiattella.com




“La sfida: la barbie da icona di perfezione a vera donna”

Parte del ricavato della vendita sarà devoluta ad ANIDAN Italia Onlus. Lodevole iniziativa, ANIDAN Italia Onlus si prende cura dei bambini abbandonati dell’isola di Lamu in Kenya. Nata dall’iniziativa personale di Rafaèl Selas che circa dieci anni fa ha lasciato una brillante carriera musicale per dedicarsi ai più deboli, i bambini, è riuscita a costruire una Casa di Accoglienza che dà asilo, assiste, recupera, istruisce e inoltrerà al mondo del lavoro circa 240 bambini. Inoltre con l’aiuto di una fondazione di medici ha realizzato un ospedale pediatrico che è l’unica struttura gratuita in un raggio di 300km in una zona afflitta da carestia e siccità; ha trattato quest’anno circa 12000 piccoli pazienti. L’area inoltre è stata testimone negli scorsi mesi di alcuni sequestri di occidentali per opera di gruppi fondamenti islamici che allontanando il turismo, principale fonte di sussistenza per l’isola, hanno aggravato notevolmente la situazione già disastrata.

La produzione artistica di Laura Piattella in questa mostra si concentra su una serie di scatti fotografici che hanno come soggetto la barbie, oggetto e momento di gioco della sua infanzia, continua a essere a tutt’oggi mito di numerose generazioni di adolescenti in tutto il mondo.

Le sue foto diventano una sorta di documento sulla bambola che ha attirato da sempre l’attenzione delle bambine portando al grande successo mondiale la Mattel, ideatrice della Barbie. Perfetta nel fisico, è proposta da un ricco corredo di abiti, accessori e arredi che s’impreziosisce nel tempo andando di pari passo con la moda.

Dopo un attento studio, Laura nota come la perfezione e la bellezza della barbie, oggetto di culto già dalla fine degli anni ’50, è statica nelle pose e inespressiva nel volto. I tratti perfetti e ben disegnati, le gambe lunghe, la vita sottile, il seno prorompente, la rende icona da imitare tra le adolescenti come esempio di donna ideale.

La barbie si affianca al mondo della moda: emula le modelle colte in passerella con volti glaciali e stereotipati, imperturbabili alle emozioni reali di una Donna.

La sua attenzione dunque, si rivolge proprio sia alla staticità del corpo, sia al volto inespressivo di barbie.
Ed ecco la sfida: l’artista ricerca attraverso i suoi scatti di dare prima dinamicità alla barbie, poi soffermandosi sulla sua mimica, arriva a darle spessore emotivo nelle diverse riprese. Il risultato è quello di una barbie che assume pose e sguardi che lasciano trapelare sentimenti veri che appartengono a ogni Donna.

Barbie dunque, come veicolo di una serie di emozioni e situazioni che sono l’equivalente della storia della donna, attraverso i dolori, le emozioni e il riscatto con l’emancipazione.

Gli scatti fotografici dell’artista diventano a tutti gli effetti, uno spaccato dell’intera storia della donna.
La tristezza, la malinconia, l’amore, ma anche la violenza, la sottomissione e il suo riscatto nella società sono raccontati con sapienza, attraverso luci, colori e accessori che rendono le foto di laura Piattella opere d’arte, delicate, eleganti e concettualmente profonde.



 
Torna ai contenuti | Torna al menu